“Matteo Salvini sottovuoto spinto”, il nuovo libro di Michele De Lucia in tutte le librerie e negli store on line!

per sito
apr
08

Michele De Lucia

Matteo Salvini sottovuoto spinto

in tutte le librerie

Kaos edizioni, 16 euro

Per acquistare on line: AmazonGiuntiHoepliIbsLibreria universitariaMondadoriRizzoli


IL LIBRO

Tutto cominciò nella Milano del 1993, quando uno svogliato studente universitario (genere italiano medio che più medio non si può) riuscì a farsi eleggere consigliere comunale nelle liste del Carroccio.

Da allora, per un ventennio, il politicante Matteo Salvini, seguace del capo leghista Umberto Bossi e suo pupillo nella ridente Padania, indossando la camicia verde ha dichiarato guerra agli stranieri e ai rom, ha scatenato una crociata contro gli islamici, ha invocato la castrazione chimica per gli stupratori, ha incitato all’autodifesa armata da Far West, ha collezionato poltrone e poltroncine, e ha fatto il tifo per il Milan calcio.

Finché alla fine del 2013, dopo che il carismatico Bossi ha concluso la carriera nelle cronache giudiziarie, Salvini ne ha preso il posto come nuovo leader della Lega nord. E parlando all’intestino degli elettori, sospinto dai sondaggi ha condotto il Carroccio verso la destra estrema, fino a intendersela con neofascisti e xenofobi italiani e esteri, al grido di: «I moderati non esistono: esistono normali borghesi che ne hanno le palle piene». E anche: «Chi evade le tasse per sopravvivere non è un evasore ma un eroe».

L’AUTORE

MICHELE DE LUCIA (Roma, 1972), laureato in legge, ex tesoriere di Radicali italiani, co-fondatore dell’associazione Anticlericale.net, con Kaos edizioni ha pubblicato: Siamo alla frutta (2005); Il baratto (2008); Dossier Bossi-Lega nord (2011); Se questo è un giornalista (2011); Al di sotto di ogni sospetto (2013); Il Berluschino (2014).

INDICE


Cronologia della Lega nord 1984-2014, pag. 7


I. Politicante padano in carriera, pag. 59

Carta d’identità

Senza cravatta

Leoncavallo, graffiti e grigiore

Senza parole

Mazzette e obbedienza

Il pretoriano

Il candidato col brillantino (verde)

Forte con i deboli

Il presunto mafioso

L’oppositore

Banca padana per i padani

Uso a obbedir tacendo

Chiodi fissi

«Palle mondiali»

L’enigma dei cinesi

Il crociato della tradizione

Più pulito e più simpatico

Con soldi milanesi

Far West in Padania

Contro l’arcivescovo

Guerra di religione

L’inviato speciale e il culo della Lega

Passata la festa, gabbato lo santo

Deputato antieuropeo

Tolleranza zero (o quasi)

Priorità e calci in culo

Voto contrario

Milano-Bruxelles

L’unico razzismo

Il tifoso contro

Il problema del Santo Natale

Guerra ai rom

Linea dura a Chinatown

Cosa loro

Uomini prestanti

Spazzatura

Anime e attentati

Lo spray antistupro

Zingari, topi e elezioni

L’onorevole Salvini

Venti piccole moschee

Apartheid sul metrò

Se questo è un parlamentare

Diritti civili in salsa padana

Il principio salviniano

Il Vangelo secondo Salvini

Via del latitante, Milano

«Una bomba nel cuore di Milano»

Ambrogino d’oro

Affari di coscienza

Nepotismo padronale

Trenta pirla, squadristi e fascisti

A prescindere

«Figli di un dio minore»

Onore alla bandiera

Carroccio di malaffare

Il paciere

Confusione e censura

Ponzio Pilato

Il delfino prende il largo

Segretario regionale

Numero due

L’oppositore

L’albero e lo scontrino

Il futuro che non si augura

Scambi di poltrone

Insulto alla gente perbene

Ku Klux Klan in Padania

Giovani padani a congresso

Contro il Quarto reich

«Fornero barbona»

Psicologia elementare con europirla

«Fango, fango, fango!»

II. Il lepenista all’italiana, pag. 141

Lo strumento indispensabile

«Stato ladro italiano»

La crociata del numero uno

Il demagogo proibizionista

Eurofannullone padano

La deriva a destra

Tutto in famiglia

Andata e ritorno

Salvineide

L’enigma e lo spogliarello

Dalla Russia con amore

Prostitute, assassini, stupratori

In posa con lo sceriffo

Proteste, love story e rimpianti

Il principio del portafoglio

La marcetta su Roma

Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Tags:         

Lascia un Commento