Lavoro, De Lucia: perché sindacati e Confindustria non diffondono i dati relativi alle clausole di rientro dalla Cassa integrazione straordinaria? Monti e Fornero sono sulla strada giusta, la percorrano fino in fondo: no ai “parcheggi”, sì alle politiche attive del lavoro. Benissimo il Presidente del Consiglio su Fiat

3 angeletti+bonanni+camusso
mar
17

Nota di Michele De Lucia, tesoriere di Radicali italiani Di fronte ai dati spaventosi relativi al ricorso alla Cassa integrazione diffusi dalla Cgil (a febbraio 82 milioni di ore, +49,1% rispetto a gennaio, +5,16% rispetto a un anno fa, 400.000 lavoratori coinvolti; i dati suddetti comprendono la Cassa sia ordinaria che straordinaria) e alle contemporanee [...]

Lavoro: bene il governo sul superamento della Cassa integrazione straordinaria, già chiesto con il referendum radicale del 1994

cassa-integrazione
gen
23

I SINDACATI DIFENDONO UN SISTEMA MARCIO CHE HA FATTO IL GIOCO DELLA GRANDE INDUSTRIA ASSISTITA, CONSENTENDOLE DI PRIVATIZZARE I PROFITTI E SOCIALIZZARE LE PERDITE: NON SORPRENDE CHE SIANO CONTRARI Dichiarazione di Michele De Lucia, tesoriere di Radicali italiani L’intenzione del governo di superare la Cassa integrazione straordinaria e di riformare gli ammortizzatori sociali è molto [...]

Pensioni, De Lucia: giù le mani dalla riforma Monti-Fornero. E’ vero che la storia insegna: solo che i sindacati non hanno imparato nulla

3 camusso+ epifani
dic
24

Dichiarazione di Michele De Lucia, tesoriere di Radicali italiani È vero, come dice Susanna Camusso, che la storia insegna molte cose: le insegna soprattutto a chi le voglia e le sappia apprendere. I sindacati, evidentemente, non hanno imparato nulla. Se oggi il governo Monti è stato costretto a riformare le pensioni con una sorta di [...]

Sabato 17 e domenica 18 dicembre a Treviso tre appuntamenti con Michele De Lucia e VenetoRadicale

Treviso
dic
16

Primo appuntamento: sabato 17 dicembre alle ore 17:00 dibattito sui Contributi Silenti. I Contributi Silenti sono i contributi versati dai lavoratori e non riconosciuti ai fini pensionistici. Il problema riguarda precari, parasubordinati, disoccupati, ma anche liberi professionisti che non appartengono a nessun ordine e se rimarranno con questi contratti a vita avranno una pensione bassissima. [...]